Le staminali del cordone ombelicale producono grandi quantità  di linfociti

2012_06_06_linfociti06/06/2012- Gli scienziati americani, olandesi e sudcoreani riescono ad ottenere straordinari risultati nella terapia sperimentale delle neoplasie. Uno dei metodi più interessanti consiste nella differenziazione delle staminali cordonali in potenti linfociti Natural Killer, caratterizzati da rilevanti capacità citotossiche contro il cancro e le infezioni o terapeutiche per il diabete.

Il Dottor Spanholz riesce a superare con un inedito procedimento la limitazione più importante per un più vasto uso di queste cellule: il basso numero ottenibile attraverso i metodi tradizionali. Si tratta di un innovativo sistema colturale, completamente isolato dall’ esterno e adatto ad un’attività su larga scala. Permette addirittura un’espansione di oltre 2.000 volte ed una purezza superiore al 90%. Presentano una più elevata azione contro le cellule neoplastiche o i virus, probabilmente legata strettamente alla maggiore espressione dell’ Nkp44, che fa parte di una famiglia di recettori, in grado di attivare la citotossicità naturale.
I medici potranno così adoperare un numero più elevato di linfociti NK e i malati riceveranno ripetute infusioni multiple di queste cellule.

La fondamentale scoperta favorirà sia la sperimentazione, che le successive applicazioni sull’uomo, soprattutto contro i tumori. Ciò anche per la maggiore potenza di tali elementi, derivati dalle staminali cordonali crioconservate, decisamente superiore rispetto a tutti gli altri, come dimostrato nelle ricerche per la cura del diabete.

Lo stesso scienziato olandese l’ha potuta verificare nel suo interessante studio, per bloccare la crescita del melanoma. Il procedimento si basa sull’azione di particolari citochine nei confronti delle staminali del cordone ombelicale in contenitori gas permeabili.
Vengono aggiunti al medium di crescita le Interleuchine Il-2 Il-7 e Il-15, oltre allo Stem Cell Factor (SCF). L’equilibrio dei segnali provenienti dai recettori attivatori ed inibitori permette di modulare l’identificazione e la successiva eliminazione sia delle cellule maligne, sia di quelle infettate da virus. I ricercatori olandesi ritengono che le caratteristiche e la quantità enorme di cellule NK prodotte permetteranno un immediato utilizzo delle staminali cordonali nella fase I di un trial clinico su pazienti affetti da leucemia mieloide acuta, con scarse possibilità di guarigione.

Patologie curabili

Il primo trapianto di cellule staminali del sangue cordonale è stato effettuato nel 1988 in un paziente…

Corsi preparto

1284729576_68527593_1-immagini-di--preparazione-al-parto-e-massaggio-infantile-1284729576Organizziamo in tutta Italia corsi preparto aperti a voi, futuri genitori.

Costi della Crioconservazione

costi-crioconservazione

Modalità di pagamento adattabili alla situazione economica della famiglia

Iscriviti alla newsletter

Pe ricevere le notizie direttamente nella tua email