2015_12_23_staminali_latte_maternoLa dottoressa Foteini Kakulas, della University of Western Australia, ha dimostrato che le cellule staminali da latte materno possono diventare cellule di diversi organi quali ossa, adipe, fegato, pancreas e cervello. Ed è un ulteriore punto a favore dei benefici del latte materno per la crescita e lo sviluppo dei bambini.

Gli studi nel settore dell’allattamento erano stati avviati nel 2007 dal professor Peter Hartmann e il suo team, presso la medesima università, che è stato il primo ad aver scoperto la presenza di cellule staminali nel latte materno (Cregan et al. 2007).

La medicina rigenerativa, quindi, continua a fare progressi. La dottoressa Kakulas ha presentato le sue scoperte nel 10° Simposio Medela, a Varsavia. Nell’occasione ha spiegato che questa scoperta ha aperto nuove strade da esplorare anche per la cura del cancro al seno. Le cellule staminali sembra, inoltre, che sopravvivano nell’organismo del bambino allattato al seno e vadano a popolare il sangue, il timo, il fegato, il pancreas, la milza e il cervello del lattante.

Fonte: www.medela.com