Le cellule staminali del cordone ombelicale protagoniste delle nuove terapie per il morbo di Parkinson

2012_10_19_ParkinsonWilliam H. Frey II, Ph.D., direttore del Alzheimer’s Research Center, facente parte del Health Partners Research Foundation, e la D.ssa Lusine Danielyan hanno sperimentato con successo una via intranasale di somministrazione per le staminali nella terapia del morbo di Parkinson, migrando in alta percentuale nelle aree danneggiate per almeno sei mesi, con miglioramento delle funzioni motorie, grazie alle loro proprietà neuroprotettive e antinfiammatorie.

 Le staminali del cordone ombelicale hanno un ruolo sempre maggiore nella possibilità di cura e prevenzione di questa patologia, fin dagli studi del 2002 di Ende e Chen, con riduzione dei sintomi e aumento della sopravvivenza in modelli murini.

Esse sono state impiegate in combinazione con fattori di crescita: il GDNF, utilizzato da Svendsen e Tai dal 2004, riparando i neuroni dopaminergici e le cellule gliali in un gruppo di pazienti, nonché prolungando la vita delle staminali cordonali trapiantate.

 Particolarmente efficaci si sono dimostrate le staminali cordonali mesenchimali della gelatina di Wharton, adoperate da Fu nel 2005 con riduzione dei sintomi e sperimentate da Li insieme al NGF, ottenendo la differenziazione in neuroni dopaminergici e il ripristino delle funzioni motorie.

Leggi tutto

Patologie curabili

Il primo trapianto di cellule staminali del sangue cordonale è stato effettuato nel 1988 in un paziente…

Corsi preparto

1284729576_68527593_1-immagini-di--preparazione-al-parto-e-massaggio-infantile-1284729576Organizziamo in tutta Italia corsi preparto aperti a voi, futuri genitori.

Costi della Crioconservazione

costi-crioconservazione

Modalità di pagamento adattabili alla situazione economica della famiglia

Iscriviti alla newsletter

Pe ricevere le notizie direttamente nella tua email