Cellule staminali cordonali: una nuova speranza contro l’infarto

infartoestaminaliUn gruppo di scienziati dell’Universidad de los Ande, Cile, ha utilizzato le Cellule Staminali del Cordone Ombelicale nel trattamento dell’insufficienza cardiaca per la prima volta in uno studio di questo genere. I risultati di questo studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica internazionale Circulation Research il 26 settembre 2017, come sottolineato dall’ American Heart Association, la più grande organizzazione americana dedicata alla lotta contro le malattie cardiache ed ictus.
I ricercatori hanno scoperto che l’infusione di cellule staminali cordonali è sicura e porta ad un significativo miglioramento nella capacità del cuore di pompare sangue. Infatti, i pazienti che avevano ricevuto la terapia con le cellule staminali cordonali si sentivano migliorati, sia nei loro sintomi sia nella qualità di vita e questo rimaneva tale anche nell’anno successivo al trattamento.
Il Dott. Fernando Figueroa, a capo del gruppo dell’Universidad de los Ande, sostenne che la cosa notevole era proprio il discorso temporale, cioè che una singola infusione intravenosa di queste cellule avesse avuto un effetto così a lungo termine sulla funzionalità del cuore e sulla qualità della vita dei pazienti, altrimenti trattati in modo ottimale, ma ancora con limitazioni.
L’impatto della terapia con le cellule staminali nel trattamento dell’insufficienza cardiaca è stata oggetto di studio per più di una decade. Gli studi passati si sono focalizzati nel raccogliere le cellule staminali derivanti da midollo osseo, ma i nuovi studi sottolineano per la prima volta di un trattamento intravenoso con cellule staminali derivanti dal cordone ombelicale.
Circa 30 pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione, conosciuta anche come insufficienza cardiaca sistolica, hanno ricevuto per metà un’infusione di cellule staminali derivanti da cordone ombelicale e l’altra metà, il placebo. L’insufficienza cardiaca sistolica avviene quando il ventricolo sinistro cessa di contrarsi normalmente e il cuore perde la capacità di spingere abbastanza sangue nel torrente circolatorio.
Utilizzare cellule staminali del cordone ombelicale ha alcuni vantaggi rispetto all’utilizzo di cellule staminali derivanti dal midollo osseo.”- disse Figueroa – “Questa procedura è minimale, la sorgente di cellule è accessibile, ha un costo di processamento inferiore e non ha conflitti etici. Ha un’ampia casistica per quanto riguarda la sicurezza in quanto è stato utilizzato in numerosi pazienti con un’ampia gamma di condizioni, senza riportare effetti collaterali.
Figueroa dice che alcuni scienziati credono che le secrezioni delle cellule staminali abbiano effetti rigenerativi sul tessuto cardiaco. Molti scienziati, inoltre, credono che le cellule siano efficaci nel trattamento dell’insufficienza cardiaca poiché la strada della diminuzione del danno è causata dal sistema immunitario.
Mentre il sistema immunitario è importante per proteggere dalle infezioni e dalle malattie maligne, può anche causare danni quando attivato dopo un evento infiammatorio, come un attacco di cuore, e portare a distruzione delle cellule e dei tessuti,” dice il patologo Dott. David McKenna, che ha condotto lo studio sul cordone ombelicale e altre terapie cellulari nell’Università del Minesota. McKenna non è coinvolto in questo studio.

Le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale”, disse, “hanno mostrato modulare o respingere l’effetto del danno del sistema immunitario producendo molecole protettive.
Figueroa disse che il suo gruppo di ricerca sta portando avanti uno studio di tre anni per vedere come i pazienti rispondevano allo studio a lungo termine. Il suo team di ricercatori continuerà anche a studiare le cellule staminali derivanti dal cordone ombelicale ma anche cellule staminali derivanti da altre fonti, come il sangue mestruale.
Nel frattempo, Figueroa sta aspettando di vedere i risultati di altri due studi che stanno coinvolgendo le patologie cardiache e le cellule staminali derivanti dal cordone ombelicale, includendo uno studio che somministra le cellule staminali attraverso iniezione intracoronarica invece che intravenosa.
Conosciamo solo una parte dell’immagine…” dice Figueroa “il meccanismo complete rimane da scoprire”.
Con queste importanti scoperte le cellule staminali del cordone si fregiano sempre di più del titolo di sorgente importante per tante malattie ad ogni difficilmente curabili.

Fonti:

news.heart.org
circres.ahajournals.org

Informati senza impegno!

Riceverai gratis la Mamma Agenda

Patologie curabili

Il primo trapianto di cellule staminali del sangue cordonale è stato effettuato nel 1988 in un paziente…

Corsi preparto

1284729576_68527593_1-immagini-di--preparazione-al-parto-e-massaggio-infantile-1284729576Organizziamo in tutta Italia corsi preparto aperti a voi, futuri genitori.

Costi della Crioconservazione

costi-crioconservazione

Modalità di pagamento adattabili alla situazione economica della famiglia

Iscriviti alla newsletter

Pe ricevere le notizie direttamente nella tua email